Home » Tutte le news

Il veterano dell’industria tecnologica, Kevin O’Malley è stato nominato Vice President del marketing in Catavolt

La società ha raggiunto notevoli picchi per il mercato di Enterprise Mobility nel 2013, raddoppia i ricavi, triplica il personale; si muove verso nuove sedi aziendali.

Alpharetta, GA. (PRWEB) 09 dicembre 2013

Catavolt, Inc., diventata rapidamente un fornitore leader di soluzioni di Enterprise Mobility,  ha annunciato oggi che Kevin O'Malley è stato nominato Vice Presidente del Marketing, una nuova posizione, in quanto la società si sta preparando alla crescita esponenziale del 2013.

L'anno scorso, la piattaforma di Catavolt Extender ha registrato una crescente accettazione tra le società di produzione, vendita al dettaglio, prodotti farmaceutici e industrie sanitarie.

La società ha inoltre chiuso con un round di investimento di serie B da $ 5M nel mese di agosto. San Francisco-based Toba Capital, recentemente formata da Vinny Smith, ex amministratore delegato e fondatore di Quest Software, ha avviato la collaborazione con Nashville, Tennessee –based FCA Venture Partners, un investitore esistente in Catavolt e un partecipante di Serie A.

"Per quasi ogni misura: la crescita dei ricavi, l’ acquisizione e la fidelizzazione dei clienti, lo sviluppo del personale per investimenti di capitale, il 2013 è stato un anno incredibilmente positivo per Catavolt”, ha detto il CEO di Catavolt, George Mashini. "E noi non potevamo chiedere un finale migliore per l'anno se non l’arrivo di  Kevin  che porterà  il marketing aziendale  ad un livello superiore nel corso del 2014."

Con circa 15 anni di esperienza nella gestione di prodotto e nel  marketing, O'Malley è passato a Catavolt da Preparis, dove era  senior vice president  nella gestione prodotti. Durante il suo incarico di due anni a Preparis, O'Malley, dal basso, ha costruito una moderna organizzazione di marketing che ha contribuito ad aumentare la base clienti della società da 20 a oltre 200 clienti.

Prima di entrare in Preparis, O'Malley ha lavorato nel product management e ha ricoperto posizioni di leadership nel  marketing in The Network, UPS e ACNielsen. Ha conseguito una laurea in marketing presso la Northeastern University e un master in business administration presso l'Università di Stato della Georgia.

“ Sono eccitato di entrare a far parte di una società formata da un personale di alto calibro, che si impegna a collaborare con l’IT e con I clienti del settore per rafforzare la propria forza lavoro” ha affermato O’Malley.

La soluzione Catavolt Extender è una soluzione in cloud che assicura accesso in tempo reale a tutti i dati aziendali presente nel sistema nativo, accedendo direttamente da dispositivi mobili. L’approccio unico di Catavolt, basato sul sistema Dual Model Architecture, permette alle aziende di creare e distribuire rapidamente applicazioni mobile per utenti business senza progetti di sviluppo di software costosi e tradizionali.

I clienti Catavolt ricevono soluzioni molto sicure che prolungano gli investimenti esistenti, richiedono minime risorse IT e poco tempo per l’implementazione. Gli utenti Business acquistano una  user experience altamente performante che incrementa la produttività  e determina maggiore competitività sul mercato.

Oltre a O'Malley, Catavolt ha incrementato il personale chiave nel suo sistema di sviluppo, nelle vendite e nella squadra dei servizi alla clientela. La società si è recentemente trasferita  in una nuova sede aziendale ad Alpharetta, Georgia nel 2013, Catavolt è stata anche nominato  nella Top 10 delle aziende maggiormente innovative dalla Technology Association della Georgia. Catavolt è impegnata ad aiutare l'area metropolitana di Atlanta per raggiungere il suo obiettivo di diventare un centro mondiale per l'innovazione della tecnologia mobile nel 2014 e oltre.

Utilizzando i fondi del suo investimento di serie B, Catavolt prevede di espandere ulteriormente le proprie vendite, il team di innovazione prodotto e rendere più aggressiva la vendita del cloud middleware aziendale nel 2014.

Leggi la versione originale dell'articolo