Home » Tutte le news

App, un business da 5 milioni di posti di lavoro

13 febbraio 2014, tratto dal sito web Computerworld

Secondo un rapporto presentato dalla Commissione Europea, lo sviluppo di app potrebbe generare, entro il 2018, un fatturato di 63 miliardi di euro.

Lo sviluppo di app può generare in Europa, da qui al 2018, quasi 5 milioni di posti di lavoro. Lo dice la Commissione Europea, che ha presentato in questi giorni il rapporto “Sizing the EU app economy”, dal quale emerge che le app hanno avuto un vero e proprio boom negli ultimi 5 anni, incidendo in modo significativo sull’economia digitale del vecchio continente.

Lo studio, condotto da GigaOM per la Commissione Europea, rivela che, nei prossimi quattro anni, il settore delle app potrebbe contribuire all’economia europea per una cifra pari a 63 milioni di euro, impiegando 4,8 milioni di persone.

Di fronte alla crescente disoccupazione giovanile , queste cifre mi danno nuova speranza”, ha commentato Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione europea. “L’ app settore è un settore dell’economia digitale in cui l’Europa può davvero essere leader. Ma dobbiamo risolvere le questioni sulla connettività e la frammentazione – un motivo in più per completare il mercato unico delle telecomunicazioni!”.

Attualmente, il mercato delle app impiega 1 milione di sviluppatori e supporto. Queste cifre potrebbero salire a 2,7 milioni di sviluppatori e a 2,1 milioni di personale per il supporto entro il 2018. Gli acquirenti e gli inserzionisti della UE hanno investito 6,1 miliardi di euro in applicazioni nel 2013, ovvero il 30% delle spesa app a livello globale, cifra che potrebbe salire a € 18,7 miliardi di euro nel 2018. La spesa dei consumatori combinata al marketing potrebbe portare quindi a 63 miliardi di euro di fatturato annuo entro cinque anni.

Dallo studio emerge che gli sviluppatori europei sono leader nel settore del gaming. Tra le prime 100 applicazioni di gaming che hanno realizzato maggiori incassi nella UE e negli Stati Uniti, infatti, il 40% è stato sviluppato da aziende europee. Si distinguono i Paesi nordici, dai quali provengono King.com, Supercella e Rovio (tra le prime cinque) seguiti dagli sviluppatori tedeschi, francesi, spagnoli e britannici, le cui app hanno incontrato successo anche fuori dai loro mercati d’origine.

Link alla VERSIONE ORIGINALE