Home » Tutte le news

Il CEO di Infor, Philips, parla a proposito del cloud, dell’interfaccia utente e del focus di settore.

17 aprile 2014, di Larry Dignan

Infor sta diventando, sempre di più, una minaccia per Oracle e SAP grazie alla sua capacità di andare in profondità nelle caratteristiche di settore con il suo software enterprise. L'azienda è rimasta in secondo piano negli ultimi anni in quanto ha rinnovato il suo software, ha creato un'interfaccia utente universale, e ha progettato un piano per permettere ai clienti di migrare verso un modello in cloud.

Oggi, alcuni analisti vedono Infor come una reale alternativa a SAP e Oracle. Infor, che ha tenuto un pow-wow analista questa settimana, ha comunicato i suoi prossimi piani. L’analista Peter Goldmacher di Cowen & Co ha osservato che l'approccio di Infor potrebbe avantaggiarla di fronte a SAP e Oracle. Egli ha detto:

A differenza dei tradizionali fornitori ERP che si concentrano sostanzialmente su grandi settori verticali, Infor fa un passo più in profondità e offre una specializzazione a livello di processo di business e incorpora i flussi di lavoro specifici per sub-categoria. Questo offre ai clienti la possibilità di godere di notevoli risparmi rispetto ai servizi di personalizzazione dei software di Oracle e SAP.

Infor è stata certamente occupata, negli ultimi tempi, nel processo di migrazione del software CloudSuite su Amazon Web Services e nella collaborazione con Red Hat e EnterpriseDB per offrire uno open source PostgreSQL. Abbiamo incontrato il CEO di Infor, Charles Phillips, che ha parlato di Infor e dei progetti futuri. Ecco i punti salienti:

Migrazione dei clienti ad applicazioni moderne. Phillips dice che Infor è nata da una roll-up di oltre 60 acquisizioni e la società ha fatto molto negli ultimi due anni per la creazione di un percorso di migrazione che avesse un'interfaccia utente standard e un'architettura scalare. "Abbiamo 500 clienti in the pipeline da far migrare da applicazioni legacy al nostro prodotto di destinazione", ha detto Phillips. La chiave per Infor è offrire ai clienti soluzioni con specifiche caratteristiche di settore in modo che non dovranno essere personalizzate. In definitiva, questi clienti potranno passare al cloud e ad un modello di abbonamento.  Su circa 150 clienti, un quarto sta migrando. "La migrazione è di per sé facile", ha detto Phillips. "La sfida è raggiungere un accordo per la migrazione e allineare le diverse circoscrizioni. Generalmente vengono allestiti con una sandbox nel cloud per vedere cosa è possibile."

L'importanza di un'interfaccia utente. Infor si è fortemente incentrata sull'interfaccia utente e la sua prossima versione, nome in codice Gramercy Park, che ha lo scopo di anticipare ciò che gli utenti hanno bisogno e permettere loro di completare i form utilizzando dati contestuali, ha detto Phillips. "Siamo in una battaglia contro i form e vogliamo aggiungere un aspetto anticipatorio nell'interfaccia utente.  La navigazione dovrebbe ruotare intorno ad un ancoraggio in qualsiasi soggetto o situazione. Ad esempio, un infermiere in una stanza d'ospedale dovrebbe avere un'interfaccia utente che ruoti su tutte le attività che si svolgono li". Il Gramercy Park sarà lanciato alla fine dell'anno e Phillips ha affermato che Infor lo presenterà nel mese di settembre. Infor sta attualmente creando prototipi di queste applicazioni.

Settori Verticali. Il piano di Infor per combattere SAP e Oracle è quello di proporre caratteristiche e strumenti più approfonditi come la pianificazione per l’infermeria e processi specifici di settore. “La nostra suite per il settore sanitario ha caratteristiche uniche per gli ospedali", ha detto Phillips. "SAP e Oracle hanno grandi marchi e usano la giusta terminologia, ma se competiamo attraverso una demo, vinciamo." La sfida per Infor è sempre quella di essere invitato al bakeoff. "E 'una questione di cosa le altre aziende sanno di noi e che impressione hanno della società," ha detto. "Il nostro obiettivo è quello di forzare una demo nelle prime fasi del ciclo di vendita. I nostri competitor cercano di evitare di fare delle demo."

Infor è stata posta sotto il mirino del radar. "Abbiamo evitato di fare marketing per i primi 2 anni e mezzo", ha detto Phillips. Abbiamo speso 1000 milioni dollari in R & S nel corso degli ultimi tre anni, così ora ha senso essere più aggressivi con il marketing e PR. Preferisco farlo quando abbiamo qualcosa di cui parlare.

C'è un IPO in futuro? Phillips ha detto che il più grande vantaggio di Infor con un IPO sarebbe la maggiore visibilità. "Siamo la terza più grande azienda tecnologica privata nel mondo e gli IPO sono grandi eventi di marketing", ha detto Phillips. L'azienda ha sviluppato i suoi prodotti ed è ora sta ottenendo dei benefici, ma Phillips preferirebbe avere più clienti di riferimento e massa critica prima di un IPO.

Concorrenza. Come Oracle e SAP, Infor sta cominciando a gestire la concorrenza durante la giornata lavorativa. Salesforce è più di un partner. "Abbiamo riscritto i nostri prodotti HCM e saranno disponibili a maggio", ha detto Phillips. "Quindi è necessario competere ogni giorno, ma lo spazio competitivo è grande e stiamo tutti sostituendo PeopleSoft." In piccoli numeri, Infor può incorrere in NetSuite.

La suite può vincere nel cloud? Probabilmente, ha detto Phillips. "Il software è uno di quei settori in cui avere troppe applicazioni sono un problema. È stata data un’impronta più ampia al cloud  e se si utilizza un gruppo di venditori bisogna procedere con l'integrazione", ha detto Phillips. Il cloud ha avuto un miglior approccio best of breed, perché questo è tutto quello che c'era. Infor si propone di offrire applicazioni ricche e profondamente integrate attraverso il cloud. "Nessuno può offrire un ospedale in una scatola", ha detto. "Dobbiamo percorrere l'ultimo miglio e aggiungere funzionalità per creare applicazioni personalizzate."

Amazon Web Services come partner. Phillips ha detto che la strategia di Infor è quella di costruire su AWS, perché non vuole eseguire  i centri dati; AWS ha una grande impronta e consente ai clienti di scalare automaticamente. "AWS ha scale e capacità oltre ad essere servizi sensibili", ha detto Phillips. "Abbiamo guardato altre soluzioni e ci sono voluti mesi per ottenere incontri. Non abbiamo avuto il tempo necessario. Dopo aver annunciato la partnership con AWS, le altre aziende competitor hanno iniziato a contattarci".